Stay up to date

SEAT Urban Mobility: soluzioni innovative per muoversi in città

2.12.2019
SEAT Urban Mobility: soluzioni innovative per muoversi in città

In uno scenario in costante evoluzione, SEAT diventa il brand di riferimento per mobilità urbana e micromobilità all'interno del Gruppo Volkswagen, con un'offerta tagliata su misura per le esigenze di tutti gli utenti.

La mobilità urbana sta cambiando sempre più velocemente, con nuovi mezzi di trasporto e servizi in grado di rispondere alle diverse necessità dei cittadini. In questo contesto SEAT sta ampliando la propria offerta, con soluzioni su misura per le città di oggi, caratterizzate da flussi di persone sempre in movimento: utenti che vogliono spostarsi in maniera semplice ed efficiente, con mezzi elettrici, connessi e facili da utilizzare sulle brevi distanze, come l'eXS Kickscooter e l'e-Scooter.

SEAT, del resto, è il brand di riferimento per la micromobilità all'interno del Gruppo Volkswagen, un ruolo che include "lo sviluppo di prodotti concepiti per la mobilità urbana per tutti i brand del Gruppo, a cui si aggiungeranno servizi e soluzioni di mobilità sia per clienti privati, sia per le flotte e gli operatori di servizi di sharing" ha spiegato Luca de Meo, Presidente di SEAT.

{

Un’unità strategica

Per affrontare questa sfida con le giuste risorse, il brand spagnolo ha creato una nuova unità operativa strategica, chiamata SEAT Urban Mobility, al cui interno confluiranno tutte le soluzioni di mobilità relative a prodotti, servizi e piattaforme digitali.

E sarà proprio questa unità a lanciare l'e-Scooter sul mercato nel 2020: "Vogliamo diventare un alleato per le città e questo mezzo è la risposta alla domanda pubblica per una mobilità più agile. La partnership con Silence è un ottimo esempio di come la collaborazione con altre aziende ci consenta di essere più efficienti" ha raccontato Lucas Casasnovas, nuovo Responsabile della mobilità urbana di SEAT.

{

e-Scooter e Mii electric

L'e-Scooter è un mezzo a due ruote efficiente e sostenibile che si inserirà in una gamma progettata per ogni tipo di utilizzo, da quello privato a quello aziendale, passando per lo sharing.

All'interno di SEAT Urban Mobility confluirà anche Respiro, piattaforma di car sharing operativa a Madrid e nella città di L'Hospitalet de Llobregat con una flotta di vetture a metano che presto saranno affiancate dalla nuova Mii electric.

La piccola citycar SEAT rappresenta una soluzione ideale per la mobilità urbana: grazie al pacco batterie agli ioni di litio da 32,3 kWh ha fino a 260 km di autonomia con una guida mista tra città e strade statali, che diventano 358 km nell’impiego 100% cittadino. "L’elettrificazione sta prendendo piede a un ritmo incalzante - ha aggiunto de Meo - il mercato dei veicoli elettrici è cresciuto del 75% nei primi 8 mesi dell’anno a livello mondiale e SEAT è pronta a soddisfare questa domanda crescente: la Mii electric rappresenta l'inizio di questo nuovo viaggio".

{

Minimó e kicksharing

La nuova unità operativa sarà il punto di riferimento anche per il servizio di kicksharing - lo sharing dei monopattini elettrici - che SEAT offre insieme alla start-up UFO; quest’ultima sarà supportata da SEAT: CODE, il nuovo centro di sviluppo software del brand spagnolo, e continuerà a collaborare con XMOBA. Da poco è stato presentato il nuovo e-Kickscooter concept, una versione rivista del precedente modello SEAT EXS: garantisce un'autonomia fino a 65 km, è dotato di due sistemi frenanti e di una batteria con una capacità fino a 551 Wh.

Anche il futuro del quadriciclo elettrico Minimó sarà gestito da SEAT Urban Mobility; questo veicolo, con le sue misure compatte (è lungo 2,5 metri e largo 1,24 metri), spazio per due persone, 100 km di autonomia e le batterie intercambiabili, rappresenta una soluzione ottimale per un impiego prettamente cittadino. "Con questa unità strategica potremo focalizzare la nostra attenzione sulle nuove necessità di mobilità dei cittadini, senza tralasciare nessun aspetto" ha concluso de Meo.

{

SEAT Urban Mobility porterà avanti anche l'impegno della Casa di Martorell con le istituzioni, come nel caso dell'iniziativa DGT 3.0: un progetto pilota in collaborazione con l'Autorità spagnola per il traffico che permette alle auto di comunicare in tempo reale con semafori e pannelli di messaggi autostradali.

L'obiettivo è migliorare i flussi di traffico e incrementare la sicurezza stradale, ma anche rendere più confortevole e piacevole l'esperienza dell'utente durante la guida.

Fonte: SEAT S.A.