Stay up to date

In vacanza con l’auto elettrica, alcuni consigli per viaggiare a zero emissioni

4.8.2022
In vacanza con l’auto elettrica, alcuni consigli per viaggiare a zero emissioni

Usare un'auto elettrica per andare in vacanza vuol dire dare un contributo importante in termini ecologici: con un po' di pianificazione, il viaggio può essere pressoché neutrale dal punto di vista climatico.

Le vacanze sono un momento atteso da molti, ma anche queste contribuiscono al riscaldamento del pianeta. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (United Nations Environment Programme, UNEP) circa il 5% delle emissioni globali di CO2 è prodotto dal turismo e, di queste, il 32% deriva dall'uso delle automobili.

Se però per andare in vacanza si guida un'auto elettrica ricaricata con elettricità green, le emissioni di CO2 del viaggio saranno prossime allo zero. Ecco una serie di consigli per proteggere il clima anche in vacanza.

Elettricità verde

Il primo consiglio è ricaricare la propria auto elettrica prima di mettersi in viaggio con elettricità green: un’opzione, per chi ne ha la possibilità, è utilizzare quella generata dai panelli solari installati sul tetto di casa.

Meglio anche rinfrescare l'abitacolo prima di partire, quando la vettura è ancora collegata con la rete elettrica: in questo modo l’energia necessaria per la climatizzazione arriva infatti direttamente dalla rete, senza consumare subito l'energia stoccata nella batteria.

{

E-route planner

Chi guida una Volkswagen ID. può utilizzare l'e-route planner del sistema di navigazione, che aiuta a pianificare i lunghi viaggi scegliendo i percorsi e le strategie di ricarica più rapidi, tenendo conto di diversi fattori come il traffico in tempo reale e le caratteristiche del percorso.

Nel navigatore è integrata anche l'app We Charge, che permette di cercare le stazioni di ricarica più vicine, tenendo conto della potenza di ricarica e delle modalità di autenticazione.

{

Carico e bagagli

Altro aspetto, scontato ma non troppo: un'auto più pesante consuma più energia, quindi è meglio non portare troppi bagagli – ed eventualmente, noleggiare biciclette a destinazione piuttosto che caricarle sul tetto: non solo aumentano il peso, ma incidono in maniera significativa sull'aerodinamica.

Sempre nell’ottica della massima efficienza, è buona norma controllare la pressione degli pneumatici prima e dopo un viaggio: basta uno scostamento di 0,3 bar rispetto ai valori ideali per aumentare notevolmente la resistenza al rotolamento e il consumo.

{

Stile di guida

Lo stile di guida è assolutamente fondamentale quando si parla di consumi: più si guarda lontano, più cresce l'autonomia. Le Volkswagen della famiglia ID. incoraggiano uno stile di guida fluido e permettono di scegliere tra due modalità di guida. Quella consigliata in città è la B (Brake), con cui quando il conducente toglie il piede dall'acceleratore, l'auto decelera in modo consistente recuperando energia: l'energia cinetica viene convertita in elettricità e ritorna alla batteria.

Su strade a scorrimento veloce e autostrade è invece meglio selezionare la modalità D (Drive): in questo caso, quando si rilascia l'acceleratore l'auto sfrutta il proprio slancio e si muove per inerzia, risparmiando energia.

{

Modalità Eco

Selezionando la modalità di guida Eco si ottimizzano i consumi, riducendo leggermente la potenza dell'aria condizionata e rendendo le accelerazioni più dolci. Inoltre in tutte le Volkswagen ID. c'è l'Eco Assistant che analizza i dati di navigazione e la segnaletica stradale. Quando l'auto si sta avvicinando a una zona che richiede di rallentare – per esempio un centro urbano, una rotonda o una curva – il sistema indica al conducente di  togliere il piede dall'acceleratore e, a seconda dei casi, incrementa anche la forza della frenata rigenerativa.

{

Parcheggiare

Una volta arrivati a destinazione, per spostarsi ci sono diverse opzioni alternative all’auto: biciclette, e-bike oppure scooter elettrici a noleggio, per esempio: tutte soluzioni che consentono di risparmiare ancora più energia, senza dover cercare continuamente parcheggio, e di familiarizzare ulteriormente con la località in cui si soggiorna.

Diverse app consentono di misurare la propria carbon footprint personale, ed è anche possibile compensare le emissioni di CO2 emesse, in vari modi.

FonteVolkswagen - Shaping Mobility Hub

VGI | U.O. Responsabile: VP | Data di creazione: data dell’articolo | Classe 9.1

Articoli correlati