Vivere in città: il domani sarà sempre più smart

12.7.2018
Vivere in città: il domani sarà sempre più smart
Visuals: Ingenieurbüro Kruse

Sempre più città stanno adottando strategie smart per migliorare sensibilmente la qualità delle nostre vite. Ecco cinque esempi pratici.

Massimizzare l'efficienza in termini di tempo, costi ed energia delle grandi aree metropolitane, dove entro il 2050 vivranno i due terzi della popolazione mondiale. Un obiettivo che può essere raggiunto con la gestione intelligente e interconnessa del traffico e di alcuni servizi, compresi… i cassonetti della spazzatura! Ecco cinque progetti strategici che indicano la via per un futuro sostenibile.

Oslo Airport City: ridurre lo stress della quotidianità

Il prossimo anno inizierà la costruzione di una smart city vicino all'aeroporto di Oslo, pensata per accogliere 25.000 abitanti. Si svilupperà su un’area di circa 360 ettari e sarà alimentata solo da energie rinnovabili - geotermico e solare – arrivando persino a produrre un surplus energetico che potrà poi essere venduto alle comunità adiacenti. La maggior parte delle destinazioni sarà raggiungibile a piedi e per arrivare alle fermate dei bus a guida autonoma serviranno non più di 5 minuti. Il controllo intelligente del traffico, le informazioni in tempo reale sul volume dei passeggeri e il parcheggio “smart” ridurranno al minimo i tempi di spostamento quotidiani. Per completarla ci vorranno 30 anni, ma i primi abitanti sono attesi per il 2022.

Steimker Gardens: comfort per tutti i residenti

Verde, sostenibile e intelligente: dal 2016 il Gruppo Volkswagen sta lavorando alla costruzione di un quartiere modello, pensato per la mobilità elettrica. È un'area di 22 ettari che si trova a 10 minuti dal centro di Wolfsburg e che avrà 1.250 appartamenti in cui la temperatura, l'illuminazione e le serrature saranno controllate elettronicamente. Nel quartiere ci saranno anche negozi, scuole e una casa di riposo. I trasporti saranno flessibili, a zero emissioni e gestiti in maniera intelligente in base alle effettive necessità, e  i parcheggi saranno connessi: il tutto grazie a un Wi-Fi pubblico e alla rete di fibra ottica, che consentirà un trasferimento dei dati efficiente e senza intoppi. Non solo trasporti, però: il progetto include anche smart home, energia pulita proveniente dai sistemi fotovoltaici e il riutilizzo dell’acqua piovana.

Santander: efficienza urbana grazie ai sensori

La città spagnola di Santander è una pioniera a livello europeo nella sperimentazione delle strategie che riguardano le smart city. Già dal 2010 è attiva l’app SmartSantander, che fornisce informazioni sui bus in tempo reale. I sensori registrano il numero dei passeggeri e inviano l'informazione al centro di controllo. Quando i volumi di persone aumentano vengono attivati altri veicoli, alcuni anche ad alimentazione ibrida, e i semafori sono programmati per favorire il trasporto pubblico. Un esempio di efficienza, ma è solo il primo di una lunga serie: i parcheggi sono in grado di comunicare la disponibilità di posti, sempre via app, e persino i cassonetti della spazzatura avvertono il personale competente quando sono pieni al 90%, per evitare viaggi a vuoto ai camion dedicati al servizio. Anche il verde pubblico viene innaffiato e curato secondo le informazioni inviate da appositi sensori che rilevano il tasso di umidità.

{

Getty Images

Estonia: un Paese nel cloud

Le strategie che hanno come oggetto le smart city semplificano la vita degli utenti e in generale funzionano bene, quindi perché non applicarle a intere nazioni?!? È il caso dell’Estonia, Paese leader nel campo dei progetti digitali. I cittadini estoni possono votare online e ci vogliono solo cinque minuti per compilare i documenti per pagare le tasse. Una nuova azienda può essere registrata in meno di 20 minuti e nel prossimo futuro l'obiettivo è quello di automatizzare gran parte delle richieste alla pubblica amministrazione, tanto che il sussidio per le nuove nascite verrà erogato in automatico. Dalla fine del 2014, inoltre, anche i cittadini stranieri possono richiedere lo status di “e-residenti” così da poter utilizzare tutti i servizi grazie alla loro cittadinanza “virtuale”.

Tianjin: la smart city modello

Con oltre 15 milioni di abitanti, Tianjin è un centro industriale e un hub logistico di riferimento all’interno della propria regione. L’iniziativa “Smart Tianjin” ha l’obiettivo di incrementare la qualità della vita e rendere la città più efficiente dal punto di vista dei costi grazie a soluzioni altamente connesse per quanto riguarda mobilità, energia, edilizia e sicurezza. Oltre al collegamento intelligente tra le diverse forme di trasporto, nel prossimo futuro verranno installate centrali elettriche virtuali, sistemi di stoccaggio dell'energia e per la gestione efficiente delle temperature negli edifici. Le tecnologie Bosch per la sicurezza delle “smart home” includeranno l'allarme antincendio, il controllo degli accessi e la videosorveglianza, rendendo la vita di ogni giorno più semplice per i proprietari.

FonteTOGETHER.net – Volkswagen AG